Impianti per la selezione di rifiuti domestici indifferenziati

Stadler è in grado di proporre soluzioni impiantistiche su misura e di diverse taglie, in grado di trattare portate comprese fra 40’000 ton/anno e 1’000’000 ton/anno.

Esperienza STADLER

"Grazie agli oltre 60 impianti realizzati finora in tutto il mondo, STADLER dispone di ampie competenze e di un'elevata esperienza nel settore del trattamento dei rifiuti domestici."

Caratteristiche del materiale

La composizione del rifiuto domestico indifferenziato è estremamente eterogenea e comprende sia materiale organico sia materiali selezionabili e valorizzabili come plastiche e metalli. La denistà varia fra i 100 e i 300 kg/m3 e rappresenta una sfida per gli impianti di selezione in quanto richiede al contempo flessibilità e robustezza.

Descrizione del processo di un impianto automatico di selezione per rifiuti domestici con cernita manuale:

Dopo il carico, il materiale viene separato in diverse granulometrie a seconda della forma (piatta - 2D, rotolante - 3D) mediante diversi processi di vagliatura utilizzando vaglio rotante e separatore balistico. Per ottenere la massima purezza di separazione possibile, i film di grande superficie vengono separati dal flusso di materiale con l’ausilio di separatori aeraulici. Questo migliora notevolmente la successiva separazione per mezzo della tecnologia NIR (near infrared). In combinazione con i successivi processi di separazione magnetica e a correnti parassite, si ottengono elevati standard di rendimento. Dopo un controllo manuale della qualità, il materiale viene separato in frazioni e pressato per ridurne il volume al fine di stoccarlo e trasportarlo.

Descrizione sintetica di un processo di trattamento meccanico biologico (TMB):

Il materiale in ingresso è lavorato con vagli rotanti, separatori balistici, deferrizzatori, separatori a correnti indotte e separatori ottici per la rimozione di materiale organico, materiali plastici, metalli ferrosi / non ferrosi e carta/cartone. Il materiale organico viene poi stabilizzato tramite un processo aerobico in modo da ottenere compost, o alimentato ad un impianto di digestione anaerobica per la produzione di biometano.

Macchine principali

  • Aprisacchi
  • Tramoggia di alimentazione
  • Trituratore primario
  • Vaglio rotante
  • Separatore balistico
  • Separatore aeraulico
  • Forabottiglie
  • Separatore ottico NIR
  • Deferrizzatore
  • Separatore a correnti indotte ECS
  • Trituratore secondario
  • Cabina di cernita
  • Pressa per imballaggi
  • Pressa per lattine
  • Nastri trasportatori
  • Strutture di supporto e manutenzione con passerelle
  • Impianto elettrico e di controllo

Frazioni valorizzabili

  • Carta / cartone
  • Frazione fine
  • Frazione organica
  • Materiale filmoso
  • Metallo ferroso
  • Metallo non ferroso
  • PE
  • PET
  • Plastica mista
  • PP
  • Tetra Pak

Referenze