Inaugurato in Danimarca il nuovo impianto automatizzato di selezione di imballaggi di STADLER per Dansk Retursystem

23.03.2020

STADLER ha da poco completato la realizzazione di un nuovo impianto di selezione di imballaggi per bevande progettato e costruito per Dansk Retursystem a Taastrup, in Danimarca. La consegna è prevista per aprile, al termine del periodo di collaudo di un mese.

La cerimonia di inaugurazione dell'impianto, che si è tenuta il 10 marzo, è stata ospitata dall'amministratore delegato di Dansk Retursystem, Lars Krejberg Petersen, e ha visto la partecipazione di ospiti illustri, come il Principe ereditario della Danimarca, Frederick, e Lea Wermelin, Ministro dell'Ambiente. 

L'impianto tratterà le bottiglie in PET e le lattine di alluminio raccolte in tutto il paese attraverso il sistema di restituzione dei vuoti, è produrrà balle di questi materiali destinate al riciclo. Con una capacità di 110 m 3 all'ora, si prevede che gestirà circa il 55% delle lattine e delle bottiglie in PET riciclate del Paese per un totale di oltre 25.000 tonnellate di materiale all'anno, lavorando 16 ore al giorno su due turni, per 300 giorni all'anno. 

Una collaborazione pubblico-privato di successo a favore dell'economia circolare 

Dansk Retursystem è una società no-profit di proprietà di Danish Breweries, regolamentata dall’Agenzia danese per la protezione dell’ambiente. Fondata nel 2000, gestisce il sistema nazionale di deposito e restituzione di bottiglie e lattine di bevande con l'obiettivo di riciclarne il maggior numero possibile. Tutti i profitti vengono reinvestiti nell'azienda per migliorare il sistema e garantire che l'alto tasso di restituzione venga  mantenuto o aumentato ulteriormente. L'Agenzia danese per la protezione dell'ambiente supervisiona le attività di Dansk Retursystem e riesamina periodicamente il suo funzionamento prima rinnovare il suo diritto esclusivo a gestire il sistema di deposito e restituzione del Paese. 

Dansk Retursystem è un eccellente esempio di collaborazione di successo tra il settore privato e quello pubblico. Il suo modello di business crea un'economia circolare che coinvolge l'intera catena: produttori di imballaggi per bevande, birrerie, dettaglianti, consumatori, aziende di trasporto e di riciclaggio. 

Dansk Retursystem raccoglie bottiglie e lattine dalle macchine automatiche per la restituzione dei vuoti che si trovano in 3000 punti vendita in tutto il Paese, presso rivenditori, negozi, uffici, caffè e ristoranti, o attraverso punti di restituzione dei depositi situati in 12 città. Suddivide tutti gli imballaggi raccolti in bottiglie di vetro, bottiglie di plastica e lattine di alluminio, che vengono riciclati e trasformati in nuovi imballaggi. Il risultato di questo sistema estremamente efficace è che 9 bottiglie su 10 vengono restituite e riciclate, con pochissimi rifiuti.   

L'impianto automatizzato ad alta capacità di STADLER: un anello chiave nell'economia circolare di ritorno 

Per il successo dell’attività di Dansk Retursystem è fondamentale una selezione efficiente e precisa delle bottiglie e delle lattine raccolte. Per questo l'azienda ha selezionato il fornitore del nuovo impianto tramite una gara europea. 

Secondo quanto spiegato da Lars Krejberg Petersen, CEO di Dansk Retursystem, in STADLER l'azienda ha trovato "un’impresa professionale in grado di fornire una soluzione integrale per i flussi di materiale". Il CEO è anche molto soddisfatto del supporto ricevuto durante tutto il progetto: "STADLER si è comportato molto bene anche sui parametri meno importanti". 

Dopo aver vinto la gara, STADLER ha progettato l'impianto e ha iniziato il montaggio nel novembre 2019. L'impianto utilizza la separazione magnetica per separare le lattine di alluminio, espellendo qualsiasi materiale ferroso, e la tecnologia del vicino infrarosso (NIR) per le bottiglie in PET. Fa parte del processo anche la rimozione delle etichette. Alla fine della linea, le presse compattano le lattine di alluminio su una linea di uscita e le bottiglie in PET sull'altra. 

Il progetto ha presentato sfide particolari a causa dell'alto livello di automazione e flessibilità dell'impianto, che ha richiesto il know-how di STADLER per sviluppare una soluzione su misura. Spiega Armin Winand, co-responsabile del progetto: "Si tratta di un impianto di selezione completamente automatizzato con un'elevata produttività.  Abbiamo affrontato questo problema con bunker di stoccaggio intermedi extra-large con una capacità fino a 240m³ in varie fasi del processo e un bunker di stoccaggio altrettanto sovradimensionato: 20m di lunghezza, 4m di larghezza e 4m di altezza. Si tratta del più grande mai progettato e costruito da STADLER. Alla fine del processo, le balle di alluminio e di PET vengono trasportate automaticamente nell'area di stoccaggio". 

"L'impianto si distingue anche per la sua estrema flessibilità, che consente al cliente di selezionare diverse modalità operative a seconda delle esigenze", aggiunge Urban Konzic del team vendite. "Inoltre, la gestione dello scarico dei materiali in entrata è automatizzata, con il sistema STADLER che indica agli autisti dei camion di consegna in quale dei 5 bunker  di carico devono scaricare". 

Questo è il primo progetto di STADLER per Dansk Retursystem, che è rimasto favorevolmente impressionato dalla progettazione e dall'esecuzione del progetto: "L'esperienza di Dansk Retursystems nel campo del riciclaggio, unita alla vasta esperienza di STADLER nella costruzione di impianti, ci consente di poter disporre oggi di un impianto completamente automatizzato e altamente tecnologico che permetterà di riciclare lattine e bottiglie in modo ancor più efficiente. E anche clima e ambiente ne beneficeranno,” conclude Lars Krejberg Petersen.

Inauguration DRSzoom
Inauguration DRSzoom
Inauguration DRSzoom
 
 
 

 
 

   STADLER ® ha ricevuto numerosi Premi per l’Innovazione apportata nel campo
   della separazione dei materiali.

 
 
Halter
Stadler Anlagenbau TOP JOB Arbeitgeber
Innovation